FANDOM


Kyros Badalamenti era uno studente di Roccantica. È deceduto la notte del Ballo della Sfinge del 2016.

Da 1001 ricette vegane per Giganti a Il Giratempo e l’ora legale la curiosità per i libri di Kyros Badalamenti non ha mai avuto limiti. Sempre con il naso immerso fra le pagine di un qualche curioso e strano manoscritto e la testa fra le nuvole, era il bersaglio perfetto per scherzi e burle. Kyros era tanto sapiente quanto impacciato e maldestro; a Torrebruma si rifugiava sempre in biblioteca per nascondersi dai bulli che volevano maltrattarlo. Crebbe sempre più taciturno e solitario, cominciando a reagire agli scherzi solo con qualche minaccia pronunciata a mezza bocca. Negli ultimi mesi prima del suo ingresso a Roccantica lo si vedeva passare per l’Incantavia carico di instabili pile di libri o con strani pacchetti amorevolmente serrati fra le braccia. Nei giorni precedenti alla sua scomparsa sembrava ancora più distratto del solito: si soffermava con aria persa per ore di fronte a cose apparentemente banali ed evitava accuratamente ogni contatto umano.

La sua segreta adesione al progetto di ricostituzione della congrega perduta Sphynxenigra fu la causa della sua morte. La Dama Bianca ordinò infatti a Galatea Scurati di assassinarlo perché la sua morte fosse il sacrificio necessario al risveglio di Porzia Tramontani.

Legami pubblici

A Torrebruma aveva stretto un rapporto con alcuni degli studenti più seri. Nelle lunghe ore passate in biblioteca godeva della compagnia di Ludmilla De Grigenti e Roberta Daini con la quale scambiava consigli su letture e testi particolari. Kyros era poi solito intrattenersi in lunghe conversazioni sulla società babbana con Mirocleto Teofoscari. Insolito rapporto di amicizia era invece quello con Narciso Malianti, i due venivano spesso visti girare assieme suscitando ilarità e l’alzata di più di un sopracciglio. A Roccantica legò molto con Regina Tramontani che certo non si perdonerà mai di essere stata inconsapevole complice del suo omicidio.